Quali sono le differenze tra l’Italiano e lo Spagnolo?

by | Oct 13, 2016 | Italiano, Regional Linguistic Differences

Io amo viaggiare in Italia e Spagna (e in America Latina, ovviamente) e ho vissuto a Bologna in Italia, dove ho imparato italiano.

L’anno dopo aver imparato l’italiano, ho imparato lo spagnolo vivendo nei pressi di un barrio latino a Washington, DC negli Stati Uniti.

Avendo imparato le due lingue in rapida successione, conosco davvero quanto simili e diverse siano queste due lingue romanze.

In realtà, due domande che mi vengono spesso chieste sono:

  1. Quanto sono simili lo spagnolo e l’italiano?
  2. Non ci si confonde tra le due lingue quando le si impara?

In questo articolo, rispondo a queste 2 domande. 🙂

Rome Ponte Emanuele II

Ponte Emanuele II a Roma

Le origini di spagnolo e italiano

Spagnolo e italiano sono tutte e due delle lingue romanze. Ciò significa che esse derivano dal latino, che era la lingua dell’impero romano.

Con il crollo dell’Impero Romano intorno al 5 ° secolo, i dialetti del latino volgare hanno iniziato a formarsi in alcuni dei territori romani.

Oggi, mentre un gran numero di questi dialetti sono ancora in uso, per ragioni politiche c’è solamente una manciata di lingue principali derivate che sono simili in grammatica e vocabolario.

Queste sono le lingue ufficiali dei seguenti paesi europei:

il francese (Francia, Belgio, Svizzera, Lussemburgo e Monaco), l’italiano (Italia, Svizzera, Città del Vaticano e San Marino), lo spagnolo (Spagna), il portoghese (Portogallo), il catalano (Andorra) e il rumeno (Romania e Moldavia).

Tutte queste lingue sono mutuamente intelligibili in una certa misura grazie alle loro origini comuni.

Gelato Florence

Uno dei piaceri nella vita – gelato italiano

Quanto sono simili spagnolo e italiano?

La somiglianza lessicale tra lo spagnolo e l’italiano è oltre l’80%. Ciò significa che 4/5 delle parole delle due lingue ‘sono simili, ma non significa che esse siano necessariamente mutuamente intelligibili a causa delle differenze di pronuncia e sintassi.

Nella mia esperienza di osservare gli spagnoli e gli italiani a parlare insieme nelle rispettive lingue, è possibile per loro di avere una conversazione mutuamente intelligibile fintanto che parlano chiaramente.

Come parlante inglese [o madrelingua inglese] che ha imparato tutte e due le lingue, posso confermare che lo spagnolo è stato davvero molto facile da imparare dopo aver imparato l’italiano, ma non era facile capire lo spagnolo parlato all’inizio, almeno per me.

Ci ho messo circa un anno per arrivare a questo livello a Washington, DC, dove parlavo almeno un po’ in spagnolo quasi ogni giorno.

Per darvi un paragone: ho imparato anche il portoghese fluentemente, così come un po’ di catalano e di rumeno. Ho trovato portoghese e rumeno notevolmente più difficili (più lontani dall’italiano) dallo spagnolo, ma il catalano un po’ più vicino all’Italiano (in termini di vocabolario).

Io con altri poliglotti viaggiatori Benny Lewis e Jan Van Der Aa a Valencia in Spagna

Quindi davvero non mi confondevo imparando lo spagnolo dopo l’italiano?

Quindi davvero non mi sono confuso quando ho imparato lo spagnolo dopo l’italiano?

Imparare lo spagnolo non ha rovinato il mio italiano?

All’inizio, era difficile mantenere le due lingue separate. Nella conversazione, usavo delle parole italiane con un finale allo spagnolo se non avessi ancora incontrato l’equivalente in spagnolo. Questo è importante per mantenere la scioltezza in una nuova lingua.

Quando sono dovuto tornare all’italiano, improvvisamente mi sembrava di essere insicuro della parte finale della parola o della correttezza della parola, almeno all’inizio…

Tuttavia, dopo circa un anno il mio cervello era in grado di separare le due lingue il 99% del tempo senza alcun problema. Quindi in ultima analisi, consentendo la confusione iniziale, la risposta è ‘no’. Imparare lo spagnolo dopo l’italiano non è predestinato a peggiorare in modo significativo il tuo italiano (e viceversa).

Io sciiando nella magica Cortina d’Ampezzo in Italia

Si riescono a imparare tutte e due se si è abbastanza motivati!

Ero molto motivato per imparare lo spagnolo a Washington, DC perché lì ho potuto usarlo tutti i giorni. E questa è davvero la chiave: la motivazione! 🙂

Se non si trova un forte motivo per imparare la seconda lingua, allora non è possibile che non si continui fino alla fine ad imparare in modo corretto la seconda lingua. Pertanto, c’è il rischio che si indebolirà la tua competenza nella prima lingua con interferenza dalla seconda lingua.

Questa purtroppo è una lamentela comune che io sento da parte dei lettori di Language Tsar e una delle questioni che io affronterò nel mio Tsarista Inner Circle perciò ti consiglio di iscriverti alla mia newsletter qui sotto per avere la possibilità di participarci.

Adoro viaggiare in Italia, Spagna e America Latina, quindi se condividi la mia passione per queste regioni allora ti incoraggio ad andare avanti ed imparare tutte le loro belle lingue! 😀

Tu hai imparato l’italiano, spagnolo o tutte e due? O forse hai imparato due o più lingue della stessa famiglia linguistica? Se è così, mi piacerebbe sentire le tue esperienze. Scrivi nella sezione di commenti qui sotto questo post o mandami un messaggio! Leggo tutti i commenti che ricevo. 🙂

Read this article in English here!

¡Leer este artículo en español aquí!

Learn Languages with LingQ!
Buy the Glossika Mass Sentence Method!
Buy 1 lesson & get a 2nd lesson free with italki!

Pin It on Pinterest

Share This
Subscribe for FREE to myLanguages for Travel Movement & access my FREE video course!

Subscribe for FREE to my
Languages for Travel Movement & access my FREE video course!

Includes the opportunity to join my exclusive Tsaristan Inner Circle.

SUCCESS!